Il mio mondo

50 anni di studio e passione

Il Piccolo Biko

Il_Piccolo_Biko

Il paese si chiamava San Luca al Monte e a dispetto del suo nome era immerso nella vasta e assolata pianura coltivata a pomodori, grano e olivi. San Luca era tutta una contraddizione perché non solo non c’era il monte ma non c’erano nemmeno i santi e le chiese. Era un nome totalmente inappropriato per quei luoghi malfamati abitati da gente crudele e da pregiudicati. Gli abitanti di un tempo erano contadini e si spaccavano la schiena nei campi, ma avevano il sangue bollente e l’atteggiamento irruento di chi è pronto a scannare il vicino di casa o di podere.

Si sa, dove non c’è civiltà non nasce l’arte, e infatti San Luca era simile più a un covo di briganti che agli incantevoli paesini del nostro Meridione, così ricchi d’arte e di tradizioni, frutto della nostra italica cultura e delle influenze longobarde, normanne, sveve, e saracene. A San Luca non erano mai giunti dominatori stranieri, né dal nord, né dal sud, e se mai qualcuno vi era giunto, evidentemente se n’era scappato subito.

 

 

 

 

Il paese non mostrava nemmeno tracce remote di una cultura locale, insomma San Luca era un paese sterile, anzi morto, dove non nasceva nulla che fosse arte, cultura, legalità o civiltà, al punto che se oggi cercaste un rudere di una vecchia chiesa sconsacrata, ebbene non lo trovereste, e neppure trovereste le vestigia di un piccolo anfiteatro greco o romano, di una torre saracena, niente di niente.

A San Luca mancavano le autorità religiose da quando un giovane parroco provò a dir messa in un casolare semi diroccato. Il poveretto si ritrovò da solo a celebrare il rito davanti a 20 sedie sgangherate, impolverate e rigorosamente vuote. Solo un gatto attraversò il decrepito locale durante la Messa, e fu grazie a lui che il povero prete trovò una via d’uscita quando i paesani lo chiusero dentro il casolare sbarrando il portone. E ce l’avrebbero lasciato fino alla fine dei suoi giorni lì dentro, anzi i più esagitati l’avrebbero volentieri bruciato vivo. A San Luca mancava pure lo Stato. Il Sindaco era stato commissariato e il Commissario se n’era scappato per non essere bastonato e da quel giorno non era più tornato.

 

Formato 10 x 14

Pagine 41

Fine del brano di valutazione

 

<< Indietro