Il mio mondo

50 anni di studio e passione

L'Impresa di Premuda

Impresa_di_Premuda

«Paria un liuni, signuri, un liuni che s’abbintava supra di nui».

Donato Letterio, classe 1895, non poteva esprimere più efficacemente, in una intervista, lo sgomento dell’equipaggio per la minacciosa prossimità del cacciatorpediniere austriaco lanciatosi all’inseguimento del MAS 15 dopo il fortunato siluramento della corazzata Santo Stefano, la mattina del 10 giugno 1918, nelle acque di Premuda.

 

 

 

 

 

 

 

Quelli furono i minuti terribili di tutta l’azione che era iniziata ai primi chiarori di quel giorno con l’avvistamento da parte del MAS 15 di una striscia di fumo verso nord che poteva appartenere a qualche unità nemica in perlustrazione in quelle acque.

(Donato sosteneva di essere stato lui a segnalare al Capitano di Corvetta Luigi Rizzo, che comandava i due MAS 15 e 21 in servizio di sorveglianza nei pressi dell’isola dalmata).

Poi, a mano a mano che i due MAS si avvicinavano a lento moto fu evidente che si era in presenza di una potente divisione navale composta di due corazzate e molto naviglio di scorta.

Fidando sull’effetto sorpresa e sulla possibile distrazione delle vedette nemiche, data l’ora mattutina, Rizzo decise per l’attacco. Essendo riuscito a penetrare il cordone della scorta senza essere visto, Rizzo si portò a poche centinaia di metri dalla Santo Stefano e spiccò due siluri.

Formato 10 x 14

Pagine 48

Fine del brano di valutazione

 

<< Indietro